STIMOLAZIONE DEL NERVO VAGO


     La stimolazione del nervo vago si effettua mediante un generatore di impulsi elettrici, simile ad un pacemaker, che viene posizionato a livello della parete toracica e collegato, per via sottocutanea, al nervo vago di sinistra.

     Impiegata originariamente in alcune forme di epilessia resistente ai trattamenti farmacologici, è stata applicata alla depressione resistente in base al riscontro di un miglioramento del tono dell’umore nei pazienti epilettici trattati ed all’evidenza delle proprietà antidepressive di alcuni farmaci anticonvulsivanti.

     I primi dati indicano un miglioramento della sintomatologia depressiva nel 40% dei pazienti con depressione resistente e che i risultati si mantengono nel lungo termine.

(da: L Conti, P Medda, C Manzi: Le terapie fisiche. In: GB Cassano et al. "Manuale di Psichiatria", Utet, Torino, in stampa.)

TERAPIE
ANTIDEPRESSIVI
ANTIDEPRESSIVI ATIPICI
ANTIDEPRESSIVI TRICICLICI
ANTIPARKINSONIANI
ANTIPSICOTICI O NEUROLETTICI
BENZODIAZEPINE
ANSIOLITICI NON BENZODIAZEPINICI
FOTOTERAPIA (O LIGHT THERAPY)
INIBITORI DELLE MONOAMINOOSSIDASI
NORADRENALIN REUPTAKE INHIBITORS
NORADRENERGIC AND SPECIFIC SEROTONINERGIC ANTIDEPRESSANTS
SEROTONIN SELECTIVE REUPTAKE INHIBITORS
SEROTONIN-NORADRENALIN REUPTAKE INHIBITORS
SINDROME MALIGNA DA NEUROLETTICI
STABILIZZANTI DELL'UMORE
STIMOLAZIONE DEL NERVO VAGO
STIMOLAZIONE MAGNETICA TRANSCRANICA (SMT)
TERAPIA COGNITIVA O TERAPIA COGNITIVO-COMPORTAMENTALE
TERAPIA ELETTROCONVULSIVANTE (TEC)
TERAPIA INTERPERSONALE (IPT)
FARMACI PSICHIATRICI

by F.Mengali 2004