FARMACI ANTIPARKINSONIANI


     Il trattamento con farmaci neurolettici provoca, in una discreta percentuale di soggetti, l’insorgenza di una sintomatologia di tipo parkinsoniano per antagonizzare la quale è necessario ricorrere all’impiego di farmaci antiparkinsoniani. Da sottolineare che questa sintomatologia risponde pressoché esclusivamente al trattamento con i farmaci anticolinergici cosiddetti "specifici", ma non alla levodopa, che è, invece, il trattamento specifico del Morbo di Parkinson.

     Questi farmaci si sono dimostrati particolarmente efficaci per il trattamento della rigidità e del tremore indotti dai neurolettici, meno per la bradicinesia. Prevengono l’insorgenza delle distonie acute ma per il trattamento delle crisi neurodislettiche conclamate è spesso necessario associare delle benzodiazepine. Non sono risultati molto efficaci nel trattamento della acatisia che invece risente della somministrazione di beta-bloccanti e benzodiazepine.

     Gli antiparkinsoniani attualmente in commercio in Italia sono elencati nella tabella seguente:


MOLECOLA NOMI COMMERCIALI DOSI CONSIGLIATE
(mg/die)
BIPERIDENE Akineton 2-8
BORNAPRINA Sormodren 4-12
METIXENE Tremaril 5-15
ORFENADRINA Disipal 50-200
TRIESIFENIDILE Artane 6-10


TERAPIE
ANTIDEPRESSIVI
ANTIDEPRESSIVI ATIPICI
ANTIDEPRESSIVI TRICICLICI
ANTIPARKINSONIANI
ANTIPSICOTICI O NEUROLETTICI
BENZODIAZEPINE
ANSIOLITICI NON BENZODIAZEPINICI
FOTOTERAPIA (O LIGHT THERAPY)
INIBITORI DELLE MONOAMINOOSSIDASI
NORADRENALIN REUPTAKE INHIBITORS
NORADRENERGIC AND SPECIFIC SEROTONINERGIC ANTIDEPRESSANTS
SEROTONIN SELECTIVE REUPTAKE INHIBITORS
SEROTONIN-NORADRENALIN REUPTAKE INHIBITORS
SINDROME MALIGNA DA NEUROLETTICI
STABILIZZANTI DELL'UMORE
STIMOLAZIONE DEL NERVO VAGO
STIMOLAZIONE MAGNETICA TRANSCRANICA (SMT)
TERAPIA COGNITIVA O TERAPIA COGNITIVO-COMPORTAMENTALE
TERAPIA ELETTROCONVULSIVANTE (TEC)
TERAPIA INTERPERSONALE (IPT)
FARMACI PSICHIATRICI

by F.Mengali 2004